Loading...
SPEDIZIONI GRATUITE IN TUTTA ITALIA*

Si avvisa la gentile clientela che per gli ordini effettuati dal 10 dicembre le consegne potrebbero subire ritardi causa festività. Ci scusiamo per il disagio.

Aratri per trattore Carraro o Kubota, Aratro reversibile voltaorecchio per BCS o Pasquali, Aratro singolo monovomere, bivomere e a versoio.

DELEKS® Aratri universali con attacco a 3 punti per trattori medio bassa potenza di qualsiasi marca. Consegna diretta dalla fabbrica. Garanzia 2 anni Italia e conformità CE. Assistenza Ricambi Express. Spedizione gratis in tutta Italia, isole maggiori comprese.

Disponibile
Peso: 50.0 kg
Potenza trattore: 12 - 30 cv
Vomeri: 1
Non disponibile Avvisami
Peso: 80.0 kg
Potenza trattore: 14 - 35 cv
Vomeri: 1
Non disponibile Avvisami
Peso: 50.0 kg
Potenza trattore: 12 - 30 cv
Vomeri: 1
Disponibile
Peso: 61.0 kg
Potenza trattore: 20 - 35 cv
Vomeri: 1
Non disponibile Avvisami
Peso: 85.0 kg
Potenza trattore: 25 - 40 cv
Vomeri: 1
Disponibile
Peso: 116.0 kg
Potenza trattore: 25 - 40 cv
Vomeri: 2
Disponibile
Peso: 140.0 kg
Potenza trattore: 30 - 45 cv
Vomeri: 1
Non disponibile Avvisami
Peso: 163.0 kg
Potenza trattore: 30 - 45 cv
Vomeri: 1

Come funziona l'aratro

L’aratro, un attrezzo che, nonostante quattro rivoluzioni industriali e migliaia di anni di storia, mantiene comunque la sua caratteristica forma e la sua importantissima funzione, anche nell’era dello smart farming. Con il passare dei secoli i mezzi per trainare questo attrezzo sono cambiati, passando dal bue al trattore, e sono nate anche tante diverse varianti di aratro adatte ai lavori più disparati, da campo aperto, da vigneto, da scasso e chi più ne ha, più ne metta.

come-funziona-aratro-deleks.jpg

Si tratta di un attrezzo fondamentale per rigirare il terreno, un’operazione ancora fondamentale in molte situazioni, che permette di portare in superficie terreno più “fresco” e ricco di sostanza organica, che prima stava a 15-20 cm di profondità, sotterrando al contempo lo strato di suolo “stanco” dopo la coltivazione precedente, con anche l’effetto positivo di arieggiare il suolo. Il ribaltamento delle zolle permette anche di interrare i semi delle eventuali infestanti presenti, riducendone il numero nella coltivazione successiva, di favorire la penetrazione delle radici e di ottenere tanti altri effetti positivi; bisogna però ovviamente stare attenti ed intervenire solo quando ce n’è necessità, senza strafare, per evitare gli effetti negativi sul costo energetico e sulla microflora del terreno che ha questa operazione. Insomma, si tratta sicuramente di un attrezzo da avere sotto la tettoia, pronto per ogni eventualità.


Quale aratro per trattore scegliere?

Domanda difficile, infatti ne esistono di specifici per ogni ambito, mantenendoci nell’ambito del “fai da te” con piccoli orti o piccoli vigneti, Deleks, ad esempio, offre una buona gamma di aratri hobbistici per trattori fino a 45 cavalli, ce ne sono per tutte le tasche, per tutti gli scaglioni di potenza e per tutte le applicazioni “caserecce” che vi vengono in mente; una gamma piccola ma ben variegata, all’interno della quale può essere complicato orientarsi. Di fronte a tale complessità in un attrezzo così semplice il dubbio sorge spontaneo: “Come faccio a capire che aratro attaccare al mio piccolo Kubota, al mio piccolo Landini o a qualsiasi altro trattorino per fare i miei lavoretti a casa?”


Quanto è "grosso" il tuo trattore?

In primis dobbiamo fare delle distinzioni che si basano sulla potenza del vostro mezzo: esistono modelli dalla struttura più leggera per i trattori più piccoli e meno potenti, che si aggirano tra i 10 ed i 30 cavalli e modelli decisamente più robusti per mezzi tra i 25 ed i 45 cv. Come si può notare dalla tabella, il peso dell’attrezzo cambia con la potenza del mezzo.

POTENZA TRATTORE PESO ARATRO

12 - 30 cv 

50.00  kg

14 – 35 cv

80.00 kg

25 - 40 cv

116.00  kg

30 – 45 cv

140.00 kg



Aratro FISSO o VOLTAORECCHIO?
aratro-voltaorecchio-2-deleks.jpg

L’aratro voltarecchio avendo due vomeri, è studiato apposta per essere girato a fine campo, per continuare a girare la terra nella stessa direzione.


Image Image Image
Aratro fisso Aratro Voltaorecchio a leva Aratro Voltaorecchio idraulico

L’aratro voltaorecchio, e ancora di più il voltaorecchio idraulico, è particolarmente indicato per lavorazioni su appezzamenti più grandi, nei quali si prevede di fare molte svolte in capezzagna. Con gli aratri fissi sarà impossibile ritornare con una passata affiancata alla precedente, non potendo rigirare l’attrezzo, ma sarà necessario, per rivoltare la terra sempre dalla stessa parte, applicare uno dei seguenti schemi di lavorazione, chiamati “a colmare” quando si rivoltano le zolle verso l’interno del campo e “a scolmare” quando si rivoltano verso l’esterno.

aratro-voltaorecchio-deleks.jpg

Quanti vomeri?
Image

Il numero di vomeri determina l’area lavorata dall’attrezzo, in agricoltura, su campo aperto, se ne possono vedere di tutti i colori, esistono aratri sconfinati, nei quali gli organi “rigiranti” si contano a decine. Per un’applicazione hobbistica in piccoli appezzamenti e, come visto prima, con piccole potenze, il consiglio è quello di orientarsi su attrezzi a singolo vomere, con il quali si ha una larghezza di lavoro abbastanza limitata, ma allo stesso tempo non è necessario uno sforzo eccessivo da parte del nostro piccolo Kubota, Landini, Carraro, ecc…
Nel catalogo Deleks è presente comunque un aratro a due vomeri, si tratta di un modello “fisso” che pesa 116 kg ed è adatto per essere attaccato a trattori tra i 25 ed i 40 cv.


Altri accorgimenti utili
  • Ha il ruotino? Un accessorio utile per regolare la profondità di lavoro dell’aratro; il ruotino lo sostiene evitando che l’attrezzo vada troppo profondo rovinando la lavorazione e causando problemi al trattore che lo traina.
  • È regolabile? La regolazione in inclinazione è fondamentale per far si che l’attrezzo si conficchi in modo corretto nel terreno, mentre la regolazione in traslazione laterale permette di far coincidere l’area lavorata con le tracce del passaggio del trattore, permettendo il lavoro in “entrosolco” (cioè con due ruote dentro il solco).